LETTERA AL BULLO
31 ottobre 2018
OSSESSIONI: COSA SONO E COME AFFRONTARLE
6 novembre 2018

LA VIOLENZA NELLA COPPIA

Forse non lo sai, ma le violenze più frequenti avvengono all’interno delle coppie, tra le mura domestiche. Chi agisce violenza contro una donna è solitamente lo stesso che dice di amarla. I dati dell’ OMS (2002),ci dicono che il 30% delle donne subisce violenza da parte del partner.

Fai attenzione però perché quando si parla di violenza, non ci si riferisce ai normali conflitti o ai litigi, che possono esserci all’interno delle coppie, dove le parti si scontrano, ma sono entrambe sullo stesso livello, cioè in una condizione paritaria.

Nelle situazioni di “violenzac’è uno squilibrio tra le parti, e c’è una parte, solitamente l’uomo, che domina e prevarica sull’altra parte, cioè sulla donna. E prevarica con parole, con atteggiamenti, con vere e proprie aggressioni fisiche.

Le forme di violenza sono diverse…la violenza fisica è quella più evidente, ma non è l’unica, ci sono altre violenze più subdole!

C’è una violenza psicologica fatta di intimidazioni, minacce, svalorizzazioni, tattiche di isolamento, ma anche di false scuse e promesse che fanno “il lavaggio del cervello” e danno la sensazione di “camminare sopra i gusci delle uova”

c’è una violenza economica, in cui alla donna non vengono dati soldi e le viene impedito di lavorare, per far in modo che dipenda economicamente dal partner.

e c’è una violenza sessuale, in cui la donna è costretta ad avere rapporti sessuali che non desidera. Perché anche se si tratta del compagno o del marito, questo non significa che il rapporto sessuale sia dovuto, soprattutto dopo un comportamento vessatorio.

Quindi, come avrai capito, nelle situazioni di violenza c’è la volontà da parte dell’uomo di esercitare potere e controllo sulla sua partner. Per questa ragione l’episodio violento non è quasi mai leggibile come un atto irrazionale o impulsivo, ma è solitamente un atto scelto e premeditato, volto a spaventare la vittima e ad averla in pugno.

Chi esercita queste violenze a volte giustifica le sue condotte come manifestazioni di eccessiva gelosia o di affetto esasperato, ma in realtà queste condotte sono solo delle modalità di controllo.

In altre parole la violenza è una scelta e non ci sono scusanti!