Aiuto psicologico: quando chiederlo

Quando chiedere aiuto allo psicologo


 
Psicologa Napoli, Milano - Dott.ssa Ilaria Riviera
 

Come psicologa ho osservato che, la maggior parte delle persone che richiedono consulenze psicologiche, manifestano sofferenze emotive, disagi personali e relazionali che durano da tempo e che spesso si sono aggravati nel tempo.

Sembra che la cosa più difficile sia proprio richiedere un aiuto psicologico. Si è molto restii a chiedere aiuto ad uno psicologo e solitamente, le persone, provano prima ad ignorare la cosa sperando che passi o a risolvere da soli. In questo modo però si fanno trascorrere mesi o addirittura anni senza che il problema si risolva.

Questo capita solo con i problemi psicologici, perché quando si tratta di problemi fisici subito si cerca l’aiuto del medico.

Aiuto psicologico e benessere

Se ad esempio ci rompiamo una gamba, subito ce ne occupiamo perché sappiamo che se la trascuriamo, la situazione peggiora e noi abbiamo bisogno che la nostra gamba ritorni a funzionare bene.

Ma allora come mai non facciamo in modo che anche la nostra mente torni a funzionare bene quando capiamo che stiamo psicologicamente male, ovvero quando ci sentiamo ormai tristi, in ansia, insoddisfatti della nostra vita da un pò di tempo?

Ricordati che noi siamo un “unità mente/corpo” e per stare bene abbiamo bisogno di prenderci cura sia del nostro corpo che della nostra mente... infatti secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) “La salute è uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale”.

Perché siamo restii a chiedere aiuto psicologico?


Se è così importante chiedere aiuto psicologico per una difficoltà emotiva, affettiva, relazionale, perché si è così restii a chiedere aiuto?
Perché chiedere aiuto fa sentire le persone deboli e incapaci di cavarsela da soli. In realtà si è deboli quando non si ha il coraggio di chiedere aiuto, quando si continua a procrastinare perché si ha paura di affrontare un percorso di cambiamento.

La persona che chiede aiuto psicologico infatti è quella che, oltre ad essere cosciente del suo malessere, trova il coraggio di sconfiggere la paura e di riprendere il timone della propria vita.

“Non permettere agli eventi esterni e alle tue paure di allontanarti dalla rotta della felicità!”
Dott.ssa Ilaria Riviera

Quando chiedere aiuto allo psicologo?


Si può chiedere aiuto ad uno psicologo in tutti quei casi in cui c’è uno stato di malessere e un desiderio di riprendere in mano la propria vita e ritornare ad uno stato di benessere. Alcuni dei casi classici possono essere rappresentati dai seguenti esempi.

Psicologa Napoli

Quando hai un “sintomo” che esprime il tuo malessere.

Psicologa Napoli

Quando ti senti spesso triste o in ansia, e questo ti limita nella vita di tutti i giorni.

Psicologa Napoli

Quando sei insoddisfatto delle tue relazioni e del tuo lavoro.

Psicologa Napoli

Quando non riesci a farti rispettare dagli altri.

Psicologa Napoli

Quando ti senti travolto da sensazioni ed emozioni incontrollabili (paura, rabbia, angoscia, dolore).

Psicologa Napoli

Quando ci sono eventi di vita passati che non riesci a lasciar andare.

Psicologa Napoli

Quando ti preoccupi troppo del futuro senza viverti il presente.

Psicologa Napoli

Quando, nonostante in apparenza vada tutto bene, senti di non essere felice.

A chi chiedere aiuto psicologico?


Ad uno Psicologo Psicoterapeuta, per affrontare un percorso terapeutico volto a migliorare la tua vita.
Chi è lo Psicologo – Psicoterapeuta? Uno psicologo, che dopo la laurea ha affrontato un percorso di altri 4 anni per specializzarsi in Psicoterapia.
Lo Psicologo-Psicoterapeuta ti accompagna e ti sostiene durante il percorso, dandoti degli strumenti utili per scoprire le tue risorse, incrementare la tua autostima ed il tuo benessere, ma richiede la tua collaborazione e partecipazione attiva al processo di cambiamento. Il successo del percorso terapeutico è dato dall’impegno e dall’alleanza terapeutica che si è instaurata tra la persona e lo psicologo.

Ad uno Psichiatra, per farti prescrivere dei farmaci volti a farti sentire meglio.
L’utilizzo del farmaco riduce il malessere ed il sintomo che ti attanaglia, ma non lo cura. Il farmaco può farti stare meglio al momento, ma non ti aiuterà a lungo termine. Si consiglia quindi di associare la terapia farmacologica ad una terapia psicologica per trovare una vera e propria cura al problema.

N.B.: Pochissime persone sanno che gli studi hanno dimostrato che i trattamenti psicologici possono avere la stessa efficacia degli psicofarmaci, con il vantaggio di avere addirittura meno ricadute.

“Quanto tempo ci vuole per guarire?” “Probabilmente molto meno di quanto hai impiegato per ammalarti”
Milton Erickson.